Sentiero Valtellina

 

Scarica

 

Riassunto

Si tratta della pista ciclabile che conduce dal paesino di Colico sulla punta del Lago di Como fino alla rinominata località turistica di Bormio attraversando la Valtellina. E’ un percorso quasi interamente su pista ciclabile (oltre 90 km su pista dedicata) denominata Sentiero Valtellina, che segue il percorso dell’Adda. Lasciando le spalle al lago si prosegue in direzione delle montagne, sempre circondati dal paesaggio alpino e al di fuori del traffico. Una pista segnalata molto bene, in ottimo stato di manutenzione, in un contesto bellissimo. Dati questi fattori, nei weekend è anche molto frequentata.

Difficolta’

Essendo quasi interamente su ciclabile, risulta molto sicura. E le indicazioni sono quasi sempre precise, tranne qualche piccola mancanza e al momento un paio di interruzioni non segnalate a Morbegno che potrebbero creare problemi. Dal punto di vista della fatica, il percorso procede senza particolari dislivelli fino a Tirano (75 km), e poi concentra il maggior dislivello da 400 mslm ai 1200 mslm di Bormio negli ultimi 35 km. A parte uno strappo molto deciso, con pendenza sul 10% nei pressi di Sondalo, la salita verso Bormio è comunque regolare e accessibile. Frequentato anche dalle bici elettriche, che si prestano benissimo ad un percorso del genere nel tratto di salita.

Raggiungibilita’

Si raggiunge comodamente con il treno da Milano, passando per Lecco. Trenord offre un buon servizio anche per il trasporto bici, visto che ormai le carrozze dei treni garantiscono l’accesso delle bici in più punti e senza gli scalini altissimi dei vecchi treni di Trenitalia. Per il ritorno: da Bormio non ci sono treni. Nel mio caso, sono rientrato in bici a Tirano ripercorrendo la strada al contrario, e ho preso il treno da lì.

Bellezza

Il paesaggio è magnifico: si viaggia spesso lungo il fiume, salutando dapprima il lago e poi accompagnati dalle montagne della Valtellina si arriva fino a Bormio passando per località tranquille e campi coltivati. Una pista ciclabile che offre l’organizzazione austriaca all’interno del contesto paesaggistico italiano, che a mio personale parere è il più bello del mondo.

Alloggio

L’alloggio ideale secondo me è a Tirano, anche se 75 km in bici potrebbero essere tanti magari per famiglie con bambini al seguito. In questo modo però si fa un lungo tratto pianeggiante o quasi (un paio di strappetti di qualche decina di metri ci sono) e si arriva in un paese in cui si può fare anche turismo: il trenino rosso del Bernina parte da qui per esempio. In alternativa, la ciclabile affianca alcuni paesi come Morbegno o Sondrio dove è possibile fermarsi. Molte volte non si attraversano i paesi, ma è presente sempre l’indicazione per il centro del paese, ed esistono anche degli ottimi cartelli lungo il tragitto ad indicare distanze e luoghi di interesse.

Costi

I costi riguardano il treno, cibo e alloggio lungo il percorso. Il treno è economico, perchè anche col trasporto da bici, da Milano costa 15 euro circa. Per quanto riguarda il cibo: lungo la pista per alcuni tratti si viaggia in aperta campagna senza accessi rapidi a supermercati e botteghe. E’ consigliabile quindi considerare le proprie pause a priori e pianificarle a dovere, oppure partire già con il cibo a disposizione.

Diario di Viaggio