Lago di Garda

Scarica

Riassunto

Questo giro del Lago di Garda e’ nato dal fatto che volevo fare un tour della durata di un weekend a meta’ ottobre che mi permettesse di percorrere un po’ di km con una bella vista lungo il percorso e senza spostarmi troppo da Milano. Dopo aver raccolto un po’ di informazioni ho optato per il lago di Garda. Il suo perimetro intorno ai 150 km e’ spesso percorso in un giorno soltanto dai ciclisti piu’ allenati e piu’ professionali di me. Per chi vuole godersi il panorama a passo lento e fermarsi a fare il turista, due giorni vanno bene. In questo modo, partendo da Peschiera del Garda (o Desenzano) ci si puo’ fermare alla sera nei pressi di Riva del Garda, esattamente a meta’ strada. Da ricordare: la strada ha diverse gallerie, per le quali occorre munire la bici di luci anteriore e posteriore e indossare il gilet o qualcosa di catarinfrangente, sia per la propria sicurezza sia per il fatto che non sono poche le voci di ciclisti multati all’uscita dai tunnel per negligenza su questi dettagli. Io ho deciso all’ultimo momento di partire da Desenzano, in modo da essere sui pedali prima al mattino rispetto a Peschiera, spingere fino a Torbole il primo giorno e accorciare leggermente il secondo.

Difficolta’

Il giro e’ molto semplice dal punto di vista delle pendenze e della direzione da seguire. L’unico motivo di impegno e’ la distanza: bisogna fare circa 75-80 km al giorno che se non si e’ abituati potrebbero provocare un pochino di affaticamento. Altra nota da considerare: la costa occidentale va percorsa interamente in comune con auto, e considerando il passaggio all’interno di qualche galleria, e’ bene essere pronti psicologicamente alla possibilita’ di incontrare traffico ed essere ben illuminati per il passaggio nei tunnel. La costa orientale invece ha un buon tratto percorribile su pista ciclabile, per cui risulta piu’ tranquilla e sicura. Anche il tratto su strada comunque attraversa meno gallerie (forse solo un paio e corte) del lato occidentale.

Raggiungibilita’

Arrivare a Desenzano da Milano e’ possibile attraverso treni regionali ed InterCity o Frecce dirette a Venezia. Occorre fare attenzione ai treni che fermano a Desenzano nella direzione di Venezia: molti fermano a Peschiera, ma non a Desenzano. A quel punto, verificare se il trasporto bici e’ consentito, altrimenti prepararsi a smontare la bici. Il percorso in treno pero’ e’ piuttosto veloce da Milano o Verona: massimo un’ora e 15 minuti.

Bellezza

Il lago e’ molto affascinante e il paesaggio varia da sud a nord: a sud si trovano localita’ piu’ turistiche come Peschiera, Salo’ e Manerba che si affacciano sulla parte di lago piu’ ampia. Andando verso nord il lago si stringe e si pedala affiancando la scoscesa parete rocciosa delle montagne. Riva del Garda e’ molto carina e caratteristica.

Alloggio

Essendo il lago di Garda una destinazione turistica offre molte possibilita’ per alloggiare, da alberghi a campeggi in diversi punti del percorso. Riva del Garda e Torbole poi sono posizionate esattamente a meta’ giro per chi parte da Desenzano o Peschiera, percio’ sono una base ottimale per una notte. Gran parte delle strutture ricettive (eccezion fatta per i campeggi) sono raggiungibili via Booking.

Costi

I costi sono relativi a treno, cibo e alloggio. Con un regionale da Milano o Verona (a seconda della provenienza) si arriva a Desenzano con bici al seguito con 15 euro circa, per il cibo i prezzi sono nella media nei ristoranti che ho potuto vedere, ma e’ comunque possibile pianificare pranzi al sacco da godersi in riva al lago. Per l’alloggio e’ possibile trovare soluzioni ottimali come l’albergo a Torbole in cui sono stato che mi sento di consigliare (Hotel Alberta).

Diario di Viaggio